mercoledì 10 dicembre 2014

INTO THE MOVIE #3 | IL CANTO DELLA RIVOLTA – parte 1


Buongiorno a tutti!
Lunedì scorso sono andata al cinema a vedere Il Canto della Rivolta part 1, quindi direi che è giunto il momento di una bella recensione!
TRAMA
Il fenomeno mondiale di Hunger Games torna ad illuminare l'oscurità con Hunger Games: Il canto della rivolta - Parte I. Katniss Everdeen (Jennifer Lawrence) si trova ora nel Distretto 13 dopo aver annientato i giochi per sempre. Sotto la guida della Presidente Coin (Julianne Moore) e i consigli dei suoi fidati amici, Katniss spiega le sue ali in una battaglia per salvare Peeta (Josh Hutcherson) e un intero Paese incoraggiato dalla sua forza.
DATA USCITA: 20 novembre 2014
GENERE: Azione, Drammatico, Avventura
ANNO: 2014
REGIA: Francis Lawrence
SCENEGGIATURA: Danny Strong
ATTORI: Jennifer Lawrence, Josh Hutcherson, Liam Hemsworth, Julianne Moore, Philip Seymour Hoffman,Woody Harrelson, Elizabeth Banks, Jeffrey Wright, Stanley Tucci, Donald Sutherland, Toby Jones, Willow Shields, Sam Claflin, Jena Malone, Natalie Dormer, Mahershala Ali
VALUTAZIONE: ★★★★ (Exceeds Expectations)

IL MIO PENSIERO
Le mie aspettative nei confronti di questo film erano bassissime. Mi aspettavo qualcosa di estremamente noioso e in perfetta linea con il libro: la prima parte infatti vede come protagonista i pipponi mentali di Katniss che si crede la principessa sul pisello. Critica tutto e tutti, nonostante l’unica cosa che dovrebbe fare sia ringraziare quelle persone che le hanno dato un tetto sopra la testa. Si perché dopo essere stata prelevata dall’arena che lei stessa ha distrutto, viene condotta nel distretto 13, che si pensava non esistesse più. Qui è stata curata e viene dato vitto e alloggio a lei e alla sua famiglia. E qui una persona sana di mente non smetterebbe mai di ringraziare quelle persone tanto gentili che hanno assicurato la salvezza non solo per se stessa, ma anche a parte della popolazione del Distretto 12.
Nel film questo non succede. Diciamo che Jennifer Lawrence è stata tremendamente brava a lasciar da parte quelle che sono le malsane idee di Katniss a favore di una più sana collaborazione con la Coin.
La Katniss del libro non aveva assolutamente capito che Rivoluzione = Guerra. Per forza di cose. non si può pretendere di far prevalere i propri ideali solo tramite una comunicazione pacifica. Il migliore dei modi è quello di utilizzare gli stessi mezzi impiegati da Capitol City: un’informazione corrotta e la violenza.
Qui è molto ben delineata la propaganda politica intrapresa dalla Coin che fa di tutto per mettere in mostra Katniss e far capire agli abitanti dei vari distretti quanto sia corrotta la gente che abita a Capitol City. 
La parte dei Pass Pro la ritroviamo anche nel libro, solo che è messa in ombra dal punto di vista di Katniss che si preoccupa solamente di criticare chi la accolta e di inveire contro le persone che producono armi. Oltre che piangere per Peeta: io speravo vivamente morisse nella prima arena. È un personaggio che non sopporto. Il suo unico ruolo è quello di amare Katniss e basta.
La Katniss del grande schermo mi è sembrata molto più simile a quella dei primi due libri: il suo pensiero principale era “uccidi o sarai uccisa”. Il suo coraggio era dettato dalle necessità: se vuoi uscire viva dall’arena allora devi combattere.
Mi è piaciuto molto Gale. Nonostante tutti dicano che sia inutile, secondo me è uno dei personaggi meglio caratterizzati di tutti e tre i libri e che mantiene coerenti le sue idee nel corso della storia. Mi è piaciuta molto la parte in cui racconta di come ha salvato parte della popolazione del Distretto 12: abbiamo potuto vedere attraverso quel giubbotto antiproiettile e avere una panoramica più dettagliata di chi è veramente Gale. Un uomo, divenuto tale troppo in fretta, che ha conosciuto gli orrori di Capitol sottoforma di sfruttamento lavorativo e ha visto morire della gente a causa dei bombardamenti. Secondo me, lui ricalca perfettamente l’immagine del rivoluzionario ideale. Colui che farebbe di tutto per far prevalere i suoi ideali, colui che si mette a disposizione della Coin e si adopera per produrre armamenti e quant’altro.
Lui è la vera ghiandaia. Katniss dovrebbe prendere spunto da lui e da come si comporta, piuttosto che criticarlo per il fatto che produce armi. Ma meno male che c’è lui che lo fa. Se ancora non l’avessi capito, siamo in guerra, contro Capitol City, che per anni è stata rifornita di ogni genere di supplemento, che ha sfruttato la forza lavoro dei distretti per arricchirsi e per vivere nel lusso, lasciando il resto della popolazione a bocca asciutta e senza la certezza di arrivare a fine giornata. La stessa Capitol che ha costretto dei ragazzi a combattere fino all’ultimo sangue per 75 anni. E tu, Katniss di cosa ti preoccupi? Del tuo entourage che è stato fatto prigioniero dal distretto 13. Il tuo pensiero è quello. Salvare le persone che ti hanno imbellettata per farti apparire desiderabile di fronte agli occhi di milioni di persone e ti hanno venduta alla città come se fossi un pezzo di carne del macellaio. Come direbbe Ron Weasley “qualcuno deve rivedere le sue priorità”.
Per fortuna questa parte nel film è stata tolta. Se ci fosse stata, credo sarei uscita dalla sala con il miglior sguardo da indignata.
Come ho già detto prima, nel film è stato dato maggior spazio alla propaganda politica: i pass pro realizzati da Cressida e dalla sua troupe mettono davanti agli occhi delle persone la nuda e cruda realtà: Capitol City bombarda un ospedale di convenienza tentando di uccidere la ghiandaia. Questo è un buon mezzo per far capire alle persone degli altri distretti, chi sia il vero nemico e contro chi devono combattere. La rivoluzione sarà contro Capitol e i suoi strumenti di manipolazione, contro il suo modo di sottomettere e di sfruttare i distretti, contro la sua falsa informazione e contro le sue modalità per mantenere l’ordine.
Vorrei spendere due parole anche per Finnick: nel film non si è praticamente visto. Mi è piaciuta molto la scena in cui rivede Annie. Credo sia una delle mie preferite di tutto il film, oltre a quella in cui Katniss e Gale, in sincronismo perfetto, scagliano la freccia contro i due Overcraft e li abbattono. Io sono una patita delle scene d’azione e quella mi è piaciuta davvero tanto.
Parlando invece della suddivisione in due parti. È palesemente una scelta di mercato per fare più soldi. Volendo questo film poteva essere fatto in un’unica pellicola: in primis perché comunque il libro non è lungo (a differenza di un Harry Potter e i doni della morte, nel quale ogni passaggio è fondamentale per comprenderne la fine) e alcune parti potevano essere benissimo saltate, o comunque abbreviate, e secondariamente perché così tutti saremmo stati più contenti senza la prospettiva di dover aspettare un anno per vedere la seconda parte di un film, che peraltro, è già stata girata.
In conclusione, posso dire che questo film ha superato le mie aspettative. Sicuramente mi è piaciuto più del libro (se potessi lo cancellerei e trasformerei la trilogia in duologia! xD): l’ho trovato noioso, a tratti avrei voluto uccidere Katniss e in più la Collins ha banalizzato un concetto secondo me fondamentale. La rivoluzione si rende necessaria nel momento in cui ci si trova di fronte ad un sistema che non permette alla società di svilupparsi, anzi la sottomette e ne sfrutta la forza per arricchirsi maggiormente. Tutto questo condito da un’informazione distorta, la realtà che viene venduta non è quella reale, ma fittizia, creata dalle alte sfere in modo da controllare il resto della popolazione. E su questo doveva basarsi la rivolta: il fatto che, grazie a Katniss, la gente si sia resa conto che il modo di governare di Snow era malato e dettato dalla sete di potere e controllo. Il messaggio doveva essere quello che da una piccola fiamma può scaturire un incendio in grado di divampare anche ai piani alti della gerarchia e far crollare l’intera struttura che si è creata con il passare degli anni. Invece no. Con il gesto di Katniss (uccidere la Coin) invece si ridicolizza tutto questo discorso a favore di un “la guerra è brutta e tutti sono cattivi”. L’ho trovato davvero bambinesco e ha sminuito quello che doveva essere il vero concetto su cui fondare l’intero romanzo. 
Anche per oggi è tutto!
Con affetto,
C.

10 commenti:

  1. A me è piaciuto. Il mio preferito resta sempre Catching Fire (sia il libro che il film). Ho trovato bello anche Mockingjay parte 1, ma già ero partita con le mani in avanti, perché detesto questa cosa di dividerli in due parti :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho apprezzato tanto il primo.. Già il secondo mi è sembrato un po' una forzatura! Xo il film è davvero fatto bene! E pure io odio il fatto che dividano i film a metà.. Soprattutto se possono essere fatti in uno..

      Elimina
  2. SONO D ACCORDISSIMO CON TEEEEE!!!!
    Cioè mi hai tolto le parole di boccaaaaa... la prima parte del libro è noiosissima e lei che si fa mille complessi .. mammma mia un palla ... anche a me il film ha sopreso in primo xke sono rimasta un po delusa dal secondo e quindi pensavo che seguisse la stessa linea ... invece ci sono un sacco di dettagli in più e forse è anche meglio che l hanno diviso cosi mettono un po di tutto ... quindi come sempre ha trasformato in post quello che penso .. Sei un genioooooooo ciaoo ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io detesto che l'abbiano diviso a metà! Xk si poteva benissimo fare in uno senza nemmeno tagliare granchè!

      Elimina
  3. A me invece il libro è piaciuto tantissimo. Gli ho dato 5 stelline, come agli altri due, anche se sicuramente è quello che preferisco di meno tra i tre. Ma solo perché ho trovato affrettato l'epilogo, per il resto mi è piaciuto molto. Anche la prima parte in cui succede poco e niente per me ci stava. Dopo l'azione no-stop dei primi due romanzi, una parte "di stallo" non era assurda. E comunque tutto ciò che non succede nella prima parte, succede nella seconda, dove si scatena letteralmente l'inferno. Quindi partendo da questo presupposto, sapevo che il film mi sarebbe piaciuto, anche se avevo qualche dubbio sulla divisione in due parti. Ora invece mi sono del tutto ricreduta. Penso che la divisione non sia campata in aria e ho adorato ogni singola scena del film! E si prospetta una seconda parte da infarto!! Io direi, alla pari, libro e film (entrambi 5 stelline) :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti secondo me è distribuito proprio male.. Le prime 250 pagine riguardano Katniss e le sue pipe mentali.. È solo alla fine c'è un minimo d'azione e vediamo quella che doveva essere la vera protagonista fin dall'inizio: la rivolta. Che poi anche li, è tutto troppo veloce e nn si capisce niente..

      Elimina
  4. Ciao Cerrie ma lo sai che anche io ho apprezzato molto Gale?!! <3 non capisco perchè Katniss perda ancora tempo dietro a Peeta...soprattutto visto quello che succende nel finale... ;) comunque anche io ho un'opinione simile alla tua sul film! ciao Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oooh finalmente qualcuno che la pensa come me! xD

      Elimina