martedì 29 luglio 2014

Le Letture di Cerrie #20 Cercando Alaska di John Green


Buongiorno a tutti ragazzi!
Oggi vi lascio la recensione di Cercando Alaska, secondo libro che leggo di Green.
Come già vi avevo anticipato, all’inizio non mi aveva presa granché, poi però mi sono ricreduta.
TRAMA
Miles Halter, solitario collezionista di Ultime Parole Famose, lascia la tranquilla vita di casa per cercare il suo Grande Forse a Culver Creek, una prestigiosa scuola in Alabama. È qui che conosce Alaska. Brillante, buffa, svitata, imprevedibile e molto sexy, per Miles diventa un enigma, un pensiero fisso, una magnifica ossessione.

RECENSIONE
Come immagino già saprete tutti, John Green è una garanzia. I suoi libri non sono mai scontati, mai noiosi, mai banali.
E anche con Cercando Alaska non si è smentito.
All’inizio ammetto che non mi stava per niente prendendo. Il personaggio principale, Miles, mi sembrava poco originale e fin troppo stereotipato; di libri che parlano di ragazzi senza amici, che cambiano scuola e si innamorano della più bella ragazza del campus, ce ne sono e all’inizio ho pensato di esserci caduta dentro, a uno di quei volumi che tanto odio.
Con l’andare avanti della storia si iniziano a conoscere di più i personaggi, ci svelano le loro storie passate e inizio ad apprezzarli molto di più.
Alaska, che in un primo momento avevo etichettato come un’ochetta giuliva, mi è piaciuta più di tutti.
Il suo passato che la tormenta in continuazione, non le permette di vivere a pieno la sua vita da adolescente. Anche se potrebbe sembrare il contrario. Con occhio attento si può vedere attraverso tutte quelle sbronze e tutte quelle sigarette fumate: si riconosce un modo per porre fine alle proprie sofferenze, un modo per uscire dal labirinto del dolore. La scelta che prende Alaska però è davvero estrema e molto discutibile. Ma Green ha caratterizzato questo personaggio con un’intelligenza tale da farmi davvero credere che avesse pianificato tutto. Che avesse fatto una lista con i pro e i contro. In questo caso hanno vinto i pro.
Dritto e veloce, scrive Alaska ai margini del suo libro, Il generale nel suo labirinto.
Se queste parole fossero uscite dalla mia bocca, sarebbero una metafora perfetta per dire che non bisogna guardare al passato. Dritto. Vai avanti per la tua strada. E corri corri corri corri più veloce che puoi, finché non riesci ad uscire dal labirinto e trovare finalmente il Grande Forse.
Anche Alaska ama leggere. Nei libri si rifugiava in luoghi dove i fantasmi non potevano trovarla. E lei di fantasmi che la inseguivano ne aveva tanti.
L’ho adorata anche quando diventava una pianificatrice esperta di scherzi. Si potrebbe davvero prendere spunto dalle sue idee per architettare lo scherzo del secolo!
Alaska mi è entrata nel cuore come solo pochi personaggi riescono a fare.
Un altro soggetto degno di nota è il Colonnello. Dietro la sua corazza di acciaio. Dietro quel ragazzo super intelligente, che non riesce a spiegare la matematica ai suoi amici perché per lui è scontata, si nasconde un passato altrettanto tragico. Al pari di quello di Alaska.
Un padre che l’ha abbandonato. Un grande cervello costretto a vivere in una roulotte da dividere con la sua mamma.
La sua mamma che ama più della matematica stessa e che non gli ha negato la possibilità di studiare per poter entrare in una Università prestigiosa.
Miles al contrario, mi è sembrato un personaggio un po’ asettico. Non mi ha trasmesso nulla di più che un amore spassionato per la ragazza più bella della scuola e per le sue ultime parole famose.
Forse sono strana io. In fondo è il protagonista della storia. Però a mio parere è stato messo un po’ in ombra da due grandi personalità come quelle di Alaska e di Chip.
Questo libro l’ho apprezzato molto di più rispetto a Colpa delle Stelle, forse perché meno acclamato e meno pubblicizzato.
Lo stile di Green è fresco, scorrevole. Il romanzo diventa così una citazione unica. Quelle frasi che Green mette in bocca ai suoi personaggi e che ti rimangono tatuate nel cuore, perché di una profondità tale da potersi adattare al passato di qualsiasi persona.
Se avessi dovuto sottolineare le mie frasi preferite, probabilmente avrei dovuto evidenziare il libro intero.
Lo ribadisco. Questo è il miglior romanzo di Green letto finora. Ho già Città di Carta sulla mia mensola ad aspettarmi.
Cinque conchigliette per questo masterpiece.


Complimenti John Green, mi hai davvero stupita con effetti speciali.
E voi? Avete letto questo libro? Anche voi l’avete adorato? Fatemi sapere!
Con affetto,
C.








12 commenti:

  1. Sono completamente d'accordo con te su Miles! A me non è piaciuto molto...anzi mi è sembrato il personaggio più sciapo del racconto. Invece mi è piaciuto molto il carattere di Alaska, nonostante abbia fatto una scelta avventata. Io li ho letti quasi tutti i libri di Green (tranne Will ti presento Will) e Cercando Alaska è stato il mio preferito. :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho già pronto città di carta, ma credo che aspetterò un po' prima di iniziarlo.. magari di ritorno dalle vacanze.. ho bisogno di qualche distopico!

      Elimina
  2. Sii, sapevo che ti sarebbe piaciuto *__*
    Io sono ancora indeciso per quale sia il mio libro preferito di Green :3
    E Alaska è fantastica, e concordo con te sul protagonista abbastanza scialbo ;)
    Bella recensione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. siiii alla fine si mi è piaciuto molto! molto di più rispetto a Colpa delle Stelle!
      ora però torno dai miei amati distopici! ne ho un disperato bisogno!

      Elimina
  3. Lo devo leggereee!! *__* Ormai sembra che io sia rimasta l'unica a non averlo ancora letto. Sarà di certo uno dei miei prossimi acquisti :)
    Bella recensione, e mi sono piaciute un sacco le citazioni che hai scelto (nelle immagini)!! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il libro è pieno di belle citazioni, ma queste secondo me sono le migliori!
      ti consiglio davvero di leggerlo!!

      Elimina
  4. Cercando Alaska mi è piaciuto moltissimo! *__*

    RispondiElimina
  5. mi viene da ridere XD TE L'AVEVO DETTO che ti sarebbe piaciuto U_U
    anche a me Cercando Alaska è piaciuto tantissimo, Città di Carta dovrebbe essere il prossimo! Non vedo l'ora di leggerlo ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche per me Città di Carta è il prossimo di Green.. ma ora voglio dedicarmi un po' a qualcosa più nel mio genere.. rivoglio i miei distopiciiii!! xD oggi tra l'altro mi è arrivato Il Labirinto.. non puoi immaginare quanto io sia esaltata per questo!

      Elimina
  6. Ciao Cerrie!!! Sono Maria di Blog Expres! Che carino il tuo blog, complimenti!!!

    RispondiElimina
  7. Ciao! Grazie per il complimento!

    RispondiElimina